Ti trovi in:

Consiglio Comunale » Consiglio comunale

Consiglio comunale

di Giovedì, 28 Maggio 2015 - Ultima modifica: Venerdì, 29 Aprile 2016
Immagine del Municipio di Stenico, dove si riunisce il Consiglio

Il Consiglio comunale è l' organo politico rappresentativo eletto ogni cinque anni, su base proporzionale, dagli iscritti nelle liste elettorali del Comune.

E' composto da 15 Consiglieri. 

Competenze

Il Consiglio comunale, rappresenta la comunità, ne individua ed interpreta gli interessi generali. E' l'organo di governo e di indirizzo, nonché di controllo politico - amministrativo.

Il Consiglio resta in carica fino all'elezione del nuovo, limitandosi – dal giorno successivo a quello di pubblicazione del decreto di indizione dei comizi elettorali - ad adottare gli atti urgenti.

Esso adotta gli atti necessari al proprio funzionamento. 

Il Consiglio esercita le competenze assegnategli dalla legge regionale e le altre previste, nell'ambito della legge, dallo Statuto.

Stabilisce gli indirizzi dell'attività dell’Amministrazione ed esercita il controllo politico-amministrativo su tutte le attività del Comune per il conseguimento degli obiettivi stabiliti negli atti fondamentali e nei documenti programmatici, con modalità stabilite dalla legge, dal presente statuto e dai regolamenti.

Esercita le funzioni di controllo politico-amministrativo spettanti al Comune, anche in forza di convenzioni, sulle istituzioni ed Enti vari, sulle gestioni convenzionate e coordinate, consorzi, società, anche per azioni, che hanno come fine l'esercizio i servizi pubblici e la realizzazione di opere, progetti, interventi, effettuati per conto del Comune od alle quali lo stesso partecipa con altri soggetti.

Per la scuola equiparata dell'infanzia  presente sul territorio comunale valgono le disposizioni previste dalle leggi provinciali di settore.

 Nomina e revoca i rappresentanti comunali negli organi degli enti previsti nei casi stabiliti dalla legge e approva gli atti fondamentali indicati dallo statuto e dai regolamenti degli stessi.
Nell'esercizio del controllo politico-amministrativo, il Consiglio verifica la coerenza dell'attività amministrativa con i principi affermati dallo Statuto, con gli indirizzi generali e con gli atti di programmazione.

Vota risoluzioni, mozioni, ordini del giorno per esprimere posizioni ed orientamenti su temi ed avvenimenti di carattere politico, sociale, economico e culturale.

Con l'approvazione degli atti fondamentali il Consiglio stabilisce criteri - guida per la loro concreta attuazione. In particolare, con gli atti di pianificazione operativa e finanziaria, annuale e pluriennale, il Consiglio definisce gli obiettivi da perseguire e i tempi per il loro conseguimento, anche in relazione a singoli programmi, interventi o progetti.
Il Consiglio può deliberare in ordine a direttive per l'adozione, da parte della Giunta, di provvedimenti dei quali il Revisore dei Conti abbia segnalato la necessità in relazione all'amministrazione ed alla gestione economica del Comune.

Quando uno o più Consiglieri siano incaricati dal Sindaco dell'esercizio temporaneo di funzioni di istruttoria e rappresentanza inerenti specifiche attività o servizi, il Consiglio prende atto dell'incarico e determina, ove spetti, il rimborso delle spese eventualmente sostenute.

Il Sindaco, sentita la Giunta comunale, presenta al Consiglio – in occasione della seconda seduta successiva alle elezioni amministrative comunali - le linee programmatiche o indirizzi generali di governo relativi alle azioni e ai progetti da realizzare nel corso
del proprio mandato amministrativo. 

I modi di partecipazione del Consiglio alla definizione, all’adeguamento e alla verifica periodica dell’attuazione delle linee programmatiche da parte del Sindaco e dei singoli assessori sono definiti nel presente Statuto e nel Regolamento di contabilità.

I progetti preliminari di opere pubbliche di importo superiore ad euro 500.000,00 devono essere approvati dal Consiglio comunale.

Riferibili a Consiglio comunale